Comunicati

News Letter dell'ordine

di Rossella Gemma

In un caso su tre i tumori del colon-retto, anche quelli più aggressivi e che non rispondono alle terapie a bersaglio molecolare note, potrebbero trovare beneficio dall’impiego di farmaci mirati ai sistemi di risposta al danno del DNA che nelle cellule tumorali in parte risultano difettosi rendendo i sistemi ‘superstiti’ essenziali per la sopravvivenza del cancro. Ad aprire la strada a questa nuova strategia terapeutica è una ricerca dell’IRCCS di Candiolo (TO) appena pubblicata sulla prestigiosa rivista Clinical Cancer Research dell’American Academy of Cancer Research, condotta su ben 112 linee cellulari di tumori del colon-retto differenti per il profilo genomico. I risultati, confermati su organoidi derivati da pazienti, indicano che farmaci mirati a proteine coinvolte nei sistemi di riparazione del DNA potrebbero diventare una concreta risposta per molti pazienti a oggi senza opportunità terapeutiche: principi attivi di questo tipo sono già in fase I-III di sperimentazione clinica. Anche per questo motivo, secondo gli autori sarebbe opportuno ipotizzare l’uso di un “biomarcatore composito”, che includa la valutazione di alcuni di questi possibili target terapeutici, così da stratificare più razionalmente i pazienti con tumore al colon-retto e identificare quelli che avrebbero la maggiore probabilità di trarre un beneficio clinico dall’uso dei nuovi farmaci mirati ai sistemi coinvolti nella riparazione del danno al DNA.

"Ogni giorno siamo esposti a sostanze chimiche o agenti fisici, come il benzene o i raggi UV, che possono danneggiare il DNA: queste lesioni vengono continuamente risolte senza conseguenze per le normali funzioni cellulari grazie a un complesso sistema di riparazione del DNA – spiega Sabrina Arena, IRCCS Candiolo e Dipartimento di Oncologia dell’Università di Torino, autrice ed ideatrice dello studio – Questo processo è ancora più importante nei tumori, dove alcuni di questi sistemi di riparazione del DNA sono difettosi ed è perciò indispensabile che quelli ancora funzionanti possano portare avanti la loro attività per permettere al tumore di ‘sopravvivere’. Tali sistemi conferiscono ai tumori una maggiore aggressività ma si possono rivelare un ‘tallone d’Achille’ e un ottimo bersaglio molecolare, perché se vengono ‘zittiti’ le cellule tumorali soccombono ai danni al DNA”. Gli inibitori PARP sono farmaci che colpiscono questi sistemi e sono già utilizzati in clinica per tumori alla mammella e all’ovaio; oggi altri farmaci di nuova generazione inibiscono altre componenti del sistema di riparazione del DNA e potrebbero perciò diventare un’opportunità preziosa anche nel tumore al colon-retto metastatico che non risponde ad altre terapie a bersaglio molecolare. La ricerca, realizzata grazie al contributo della Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro (FPRC) e dell’Associazione Italiana per Ricerca e la cura del cancro (AIRC), ha perciò avuto l’obiettivo di capire se i farmaci di nuova generazione possano essere utili in tumori per i quali a oggi non esistono opportunità terapeutiche efficaci.

“Abbiamo effettuato un screening farmacologico utilizzando principi attivi mirati a proteine coinvolte nei sistemi di riparazione del DNA, alcuni già in sperimentazione clinica in fase I-III, in 112 modelli preclinici di tumore del colon-retto differenti per profilo genetico, che includevano linee cellulari e organoidi realizzati a partire da campioni tumorali di pazienti – spiega Alberto Bardelli, IRCCS Candiolo  e Dipartimento di Oncologia dell’Università di Torino, coautore dello studio – I dati mostrano che circa il 30% dei casi, inclusi quelli refrattari alle attuali terapie, potrebbe rispondere ad almeno uno di questi farmaci di nuova generazione in grado di inibire la funzione di diverse proteine coinvolte nella riparazione del danno del DNA. È importante sviluppare nuove metodologie diagnostiche che consentano di identificare chi potrebbe beneficiare di questo tipo di terapie, per le quali sono già in corso studi clinici per dimostrarne la reale efficacia sui pazienti: un biomarcatore che valuti i diversi bersagli possibili potrebbe aiutare a stratificare il rischio e individuare i candidati che potrebbero rispondere meglio al trattamento. La strada è ancora lunga, ma questi risultati pongono le basi scientifiche e sperimentali per nuove e più efficaci terapie da applicare in futuro anche ad altri tipi di tumore”. 

di Rossella Gemma

Costante idratazione, corretta alimentazione, adeguata esposizione al caldo, una possibile rimodulazione delle terapie a base di farmaci anti-ipertensivi e diuretici, particolare attenzione al mare e in montagna. Sono questi i principali consigli stilati dalla Siprec, Società Italiana per la Prevenzione Cardiovascolare, per affrontare al meglio le ondate di calore.

“Chi prende farmaci anti-ipertensivi o diuretici, in accordo con il proprio medico, può necessitare di una riduzione dei dosaggi o una temporanea sospensione. Indispensabili poi una buona idratazione quotidiana, adeguato apporto di elettroliti attraverso un’alimentazione basata su frutta e verdure che contengano potassio, calcio, magnesio” sottolinea il Prof. Massimo Volpe, Presidente SIPREC.

La SIPREC ha anche promosso lo sviluppo di un’app “Heart way”, per essere vicini anche a distanza a chi ha problemi di cuore. “Questo progetto di telemedicina - spiega Volpe - persegue l’obiettivo primario di controllare i principali fattori di rischio: pressione arteriosa e colesterolemia. Poi ci sono altre finalità non meno importanti, come l’incentivo a un’attività fisica quotidiana del paziente, l’aderenza alle terapie, un corretto stile di vita anche dal punto di vista dell’alimentazione, una definizione del profilo di rischio, l’analisi del peso corporeo e la definizione di altri parametri che possono essere misurati dal paziente”.

E l’allarme per le ondate di calore e gli sbalzi termici, arriva anche dai neurologi. "I cosiddetti acciacchi prodotti dalle violenti escursioni termiche non sono solo legati al passaggio dal caldo al fresco, ma anche al fenomeno dell'evaporazione del sudore che è un meccanismo rinfrescante fisiologico", spiega Piero Barbanti, responsabile dell'Unità per la cura e la ricerca sulle cefalee e il dolore dell'Irccs San Raffaele di Roma, chiarendo i vari fattori alla base di questi malanni di stagione.

Prevenire è sempre meglio che curare, anche perché il mal di testa martellante è in agguato in queste situazioni. Il nesso con il condizionatore persiste, ma le ragioni fisiologiche mutano: "L'emicrania e la cefalea di tipo tensivo non dipendono dal grado di contrazione muscolare - chiarisce Barbanti - Passa attraverso le suture delle ossa del cranio, dove emergono sottili filuzzi nervosi riconducibili al trigemino, fenomeno assimilabile al passaggio dei fili d'erba attraverso il manto stradale. Queste terminazioni trigeminali sono per definizione ipersensibili nei soggetti emicranici e facilmente attivabili dagli sbalzi termici". "Ai soggetti predisposti conviene quindi indossare un cappello morbido e leggero sia quando sono esposti al caldo intenso che quando soggiornano al fresco dell'aria condizionata. Una volta che si sono acclimatati, però, possono ovviamente toglierlo senza alcun timore", conclude Barbanti.

Le pubblicazioni si interrompono per ferie dal 18 al 22 luglio.

 

Grazie!!!

di Rossella Gemma

Con un calo nella raccolta del plasma per la produzione di medicinali plasmaderivati del 5,4% nei primi cinque mesi dell’anno (fonte: Centro Nazionale Sangue) e l’estate appena iniziata, emergono le preoccupazioni dei pazienti per i quali i farmaci plasmaderivati costituiscono dei salvavita. A rendere più complesso il quadro generale si deve tener conto della diminuzione di raccolta del plasma negli Stati Uniti, da cui l’Europa dipende per l’importazione di medicinali plasmaderivati, con conseguente incremento dei prezzi degli stessi medicinali.

“Voglio lanciare un invito a tutti i donatori perché prendano in considerazione la possibilità di donare una volta di più. Ricordo infatti che, secondo la legge italiana, è possibile donare il plasma ogni 15 giorni, mentre l’intervallo di tempo tra una donazione di sangue intero ed una di plasma è di soli 30 giorni. Al contempo invito chi ancora non ha scoperto la bellezza di donare a non lasciarsi sfuggire questa occasione per fare veramente la differenza nella vita di qualcuno che in questo momento ha bisogno di noi. Sono molti i pazienti che necessitano di medicinali plasmaderivati: immunodeficienze primitive, neuropatie disimmuni, emofilia, sono solo alcune delle patologie che richiedono medicinali plasmaderivati” è l’appello di GiovanniMusso, Presidente Nazionale FIDAS.

Sono diversi i fattori che stanno influenzando negativamente la raccolta di sangue e plasma nel nostro Paese: l’onda lunga della pandemia, lo scarso ricambio generazionale dei donatori, l’imminente partenza per le vacanze, la carenza di personale medico e la riduzione degli orari di apertura dei Servizi Trasfusionali per le chiusure estive. Un insieme di fattori che rischia di avere un effetto sommatorio dalle conseguenze molto serie per tutti i pazienti con malattia rara la cui esistenza dipende proprio dalle donazioni di plasma.

Le conseguenze della crisi della raccolta sono sia a breve che a medio termine dato che la fase di lavorazione per la produzione dei medicinali prevede tempistiche comprese tra gli 8 e i 12 mesi. La programmazione del 2022 prevede di raccogliere 14,5 kg di plasma ogni mille abitanti, mentre la sfida più grande, che consentirebbe l’autosufficienza nazionale, consiste nel tagliare il traguardo dei 18 kg ogni mille abitanti. Un obiettivo alla portata del Sistema Trasfusionale italiano, raggiungibile promuovendo la consapevolezza dell’importanza della donazione del plasma. Con la conferenza stampa alla Camera dei deputati di iniziativa dell’Onorevole Angela Ianaro, FIDAS vuole stringere un’alleanza ancora più salda tra donatori e pazienti per scongiurare l’indisponibilità di farmaci: “ai donatori noi dobbiamo dire grazie ma anche garantire che il loro dono sia utilizzato in maniera corretta, appropriata ed efficiente. Stiamo studiando la possibilità di una cabina di regia per gli acquisti e riteniamo che sia necessario ragionare in una prospettiva europea, creando un coordinamento europeo. Infine, dobbiamo lavorare ad una gestione dei centri che permetta di migliorare la raccolta” ha dichiarato l’On. Ianaro. 

Nel mese di maggio sono stati 74.199 i kg di plasma conferiti alle aziende per la produzione di medicinali plasmaderivati (registrando così un +2,9% rispetto al mese di maggio 2021). Le Regioni ad aver contribuito a raggiungere il segno positivo sono state: Abruzzo, Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Sicilia, Toscana. Sostanzialmente stabili la Calabria e il Piemonte.

Se ampliamo lo sguardo al periodo gennaio-maggio, tuttavia, il bilancio non è positivo ma si chiude con un –5,4% rispetto allo stesso periodo del precedente anno. Complessivamente sono 345.143 i kg di plasma conferiti alle aziende in questo arco temporale, a fronte dei 364.955 kg conferiti nel 2021 nello stesso periodo. Le Regioni che sono riuscite a conferire alle aziende più di quanto fatto nello stesso periodo del precedente anno sono state solamente: Calabria, Lombardia, Molise, Provincia Autonoma di Bolzano. Sostanzialmente stabile la Regione Liguria.

“L’autosufficienza del plasma è un obiettivo strategico per tutto il sistema sangue italiano, che garantirà le terapie salvavita per centinaia di migliaia di pazienti senza doversi preoccupare delle fluttuazioni del mercato internazionale. Ma se questo obiettivo, solo qualche anno fa, pareva a un passo, oggi la situazione è peggiorata a causa del Covid, che forse non fa più così paura ma sta ancora facendo sentire il suo peso sulla raccolta di sangue e plasma. Fortunatamente la generosità dei donatori non è mai venuta meno, neanche nei momenti più bui, e alla fine credo che basti solo un piccolo sforzo in più da parte di tutti gli attori in campo per tornare a muovere i passi nella giusta direzione” ha commentato Vincenzo De Angelis, Direttore del Centro Nazionale Sangue. 

“Il plasma è una materia prima molto peculiare, non è un prodotto di sintesi, ma deriva da un processo di donazione volontaria e non retribuita da parte dei cittadini, la produzione di questi farmaci quindi è ispirata al più alto valore etico di dono e di solidarietà. Ma questo pone una variabilità nella sua disponibilità che apre al rischio carenza” sottolinea Filippo Cristoferi Responsabile Affari Istituzionali di AIP, (l’associazione che riunisce i pazienti con immunodeficienze primitive).

Massimo Marra, Presidente CIDP Italia aps è intervenuto con un video messaggio per presentare l’esperienza dei pazienti affetti da neuropatie disimmuni: “Ciascuno di noi che fa un dosaggio di immunoglobuline ad alte dosi necessita per poter camminare, per poter prendere un oggetto in mano, per poter essere autonomi nella propria vita quotidiana, anche di 700 donazioni all’anno.  Tanti pazienti ci segnalano di come sia stato ridotto il dosaggio del singolo trattamento o aumentato l’intervallo tra una somministrazione e le successive. Così come nuove diagnosi ci segnalano come gli sia prospettato dai clinici il fatto che la terapia di prima linea sia quella a base di immunoglobuline umane ma purtroppo, per una indisponibilità del mercato, non è possibile assicurare loro quello che è considerato il miglior trattamento possibile. Siamo consapevoli che l'unico modo per uscire da questa situazione è l'autosufficienza nazionale nella raccolta del plasma”.

di Rossella Gemma

Nuova attenzione, soprattutto con la ripresa degli accertamenti nel post Covid, alle patologie che colpiscono ossa e muscoli, rispettivamente osteoporosi e sarcopenia. Si inizia a parlare di “osteosarcopenia”, una sindrome di recente definizione che vede la concomitante manifestazione delle due patologie, accentuata in una società che invecchia come quella italiana. Le conseguenze sono un incremento di cadute e fratture, con relativa disabilità e mortalità. Questo è stato il tema al centro di un recente programma di training per Medici di Medicina Generale con Responsabile Scientifico il Prof. Stefano Lello, Consulente Scientifico dipartimento Salute Donna e Bambino Fondazione Policlinico Gemelli, presentato nel recente webinar “Progetto Osteoporosi e Sarcopenia. Train the trainer”.

L’osteoporosi aumenta il rischio di fratture a vertebra, polso, femore ed anche in altri siti scheletrici. L’impatto può essere molto rilevante: in caso di frattura del femore il tasso di mortalità nell’arco di un anno è di circa il 20%, a cui si aggiunge una disabilità nel 40% dei casi, nonostante il miglioramento delle tecniche ortopediche. Per fare una diagnosi di sarcopenia si valutano la forza, la quantità di tessuto muscolare e la prestazione fisica con l’analisi di una serie di performance con strumenti come il dinamometro e il test del cammino che valuta la velocità di camminata. Questi parametri integrati mostrano l’incremento della fragilità del soggetto che si può fratturare e ammalare.

“La comunità scientifica rivolge crescente attenzione a questi due aspetti spesso visti come separati: da una parte, la perdita di massa ossea e di resistenza dell’osso, ossia l’osteoporosi; dall’altra, la perdita di massa, forza e performance muscolare, la sarcopenia – ha sottolineato il Prof. Stefano Lello – Osso e muscolo si influenzano vicendevolmente e allo stesso modo la salute di ossa e muscoli viaggia insieme: fare movimento, avere una dieta corretta con un introito adeguato di calcio, mantenere un buon livello di vitamina D sono aspetti di cui si giovano sia l’osso che il muscolo. L’interdipendenza è acuita dal fatto che l’età media della popolazione è in crescita, con riduzione complessiva della massa ossea e di quella muscolare. Entrambe determinano un aumento della fragilità e del rischio di cadute e di fratture. Uno studio del 2011, ad esempio, dimostra che nelle donne che si fratturano il femore, il 58% soffre anche di sarcopenia”.

Gli esperti ricordano che la prevenzione può iniziare sin da giovani con uno stile di vita sano, acquisendo sempre più rilievo con il passare del tempo. Per valutare l’efficacia dello stile di vita e il monitoraggio dell’invecchiamento di ossa e muscoli, è fondamentale il ruolo del Medico di Medicina Generale, che ha la possibilità di conoscere la storia clinica del paziente e di comprendere la sua evoluzione.

 

 

 

 

di Rossella Gemma

L'Agenzia europea del farmaco (EMA) ha raccomandato l’autorizzazione all’immissione in commercio al vaccino anti-Covid della francese Valneva, basato su virus inattivato-adiuvato, per la vaccinazione primaria dai 18 ai 50 anni di età. “Dopo un'approfondita valutazione - informa l'Agenzia - il Comitato per i medicinali a uso umano (CHMP) ha concluso che i dati sul vaccino sono "solidi" e soddisfano i criteri UE per "efficacia, sicurezza e qualità". La parola ora spetta alla Commissione europea, che "affretterà il processo decisionale su un'autorizzazione all’immissione in commercio standard per il vaccino di Valneva, consentendo che sia incluso nei programmi di vaccinazione di tutta l'UE".

 Gli studi sul vaccino di Valneva, che hanno coinvolto quasi 3mila persone di età pari o superiore a 30 anni, hanno mostrato che il vaccino dell'azienda francese innesca la produzione di anticorpi contro il ceppo originale della Sars-CoV-2. Ulteriori dati degli studi hanno indicato che il vaccino Valneva è efficace nella produzione di anticorpi sia nella fascia di età compresa tra i 18 e i 29 anni che negli over-30. Sulla base dei dati forniti - precisa l'ente regolatorio europeo - non è stato possibile trarre alcuna conclusione sull'immunogenicità del vaccino Valneva nelle persone di età superiore ai 50 anni, pertanto il prodotto è attualmente raccomandato per l'uso nei 18-50enni. Gli effetti collaterali osservati negli studi sono stati generalmente lievi e si sono risolti entro un paio di giorni. In base alle informazioni disponibili, gli esperti del CHMP hanno ritenuto positivo il rapporto rischi-benefici derivante dalla somministrazione del vaccino Valneva.

di Rossella Gemma

Una neoplasia ancora poco nota in tutto il pianeta e che, in Italia, colpisce ogni anno 9.000 uomini e 4.500 donne. E’ il carcinoma renale che, nel 55% dei casi si presenta alla diagnosi confinato solo al rene mentre fino nel 30% dei casi ha già sviluppato metastasi.

Sette pazienti su dieci vivono a cinque anni dalla diagnosi e possono essere considerati guariti. Preoccupa però la casualità legata all’individuazione della patologia oncologica. Il 60% dei casi (8.100 ogni anno) viene scoperto durante esami medici svolti per altri problemi di salute. Per sensibilizzare l’attenzione di pazienti, caregiver, istituzioni, personale medico-sanitario e cittadini si è celebrata il 16 giugno la Giornata Mondiale contro il Tumore del Rene. L’evento, dal titolo “We need to talk about treatment options”, è stato promosso dall’International Kidney Cancer Coalition (IKCC), rete internazionale e indipendente di associazioni di pazienti provenienti da quasi 45 Paesi diversi.

“Negli ultimi anni è stata ampliata e perfezionata la gamma di cure disponibili – ha spiegato Tonia Cinquegrana, Presidente e una delle fondatrici di ANTURE, Associazione Nazionale tumore del rene che ha organizzato la conferenza stampa virtuale, grazie al sostegno non condizionato di Ipsen S.p.A. -. Tutti i dati dimostrano chiaramente un continuo miglioramento dei tassi di sopravvivenza in Italia, fin dall’inizio degli anni 90. Abbiamo però ancora tante sfide da affrontare per incrementare le chances dei pazienti a cominciare dal numero di diagnosi precoci che deve essere incrementato. Vi è poi un problema di qualità di vita, durante e dopo le cure, che deve essere sempre garantita. A seconda della tipologia di tumore, del suo stadio e delle priorità del malato ci sono diverse opzioni di trattamento. Diversi studi scientifici hanno dimostrano che i risultati migliori si ottengono quando i pazienti e i medici prendono insieme le decisioni terapeutiche”.

Secondo un recente sondaggio mondiale dell’IKCC l’89% dei pazienti con tumore del rene prenderebbe in considerazione l’idea di far parte di una sperimentazione clinica. Tuttavia, a meno della metà viene fatta questa richiesta. “Gli studi clinici sono fondamentali per aumentare le nostre conoscenze sul cancro e al tempo stesso possono fornire ai malati l’accesso a trattamenti innovativi – ha aggiunto il prof.  Giuseppe Procopio, Direttore dell’Oncologia ASST di Cremona -. Per questo duplice obiettivo la ricerca è fondamentale e deve essere sempre promossa. L’incremento della sopravvivenza è dovuto all’introduzione delle terapie target innovative che, nell’ultimo decennio, ci ha permesso di contrastare anche i casi in fase avanzata della malattia”.

“Nel tumore renale la chemioterapia e la radioterapia sono risultate da sempre poco efficaci e il loro utilizzo è scarso – ha precisato il prof. Sergio Bracarda, Presidente Incoming della SIUrO – Società Italiana di Urologia Oncologica -. L’introduzione dei farmaci biologici prima e poi di quelli immunoterapici ha rivoluzionato la pratica clinica nonché restituito speranza a milioni di uomini e donne in tutto il mondo”.

“Il carcinoma renale non può più essere sottovalutato – ha concluso Camillo Porta, Professore Ordinario di Oncologia Medica all’Università Aldo Moro di Bari e Direttore della Divisione di Oncologia Medica del Policlinico di Bari -. Come per altre neoplasie non è possibile avviare campagne di screening su fasce, più o meno ampie, della popolazione. Resta perciò un’altra preziosa arma nelle nostre mani che è la prevenzione primaria e quindi gli stili di vita sani. Sono documentati da molte ricerche i collegamenti tra la malattia e alcune abitudini scorrette come il fumo di sigaretta, l’obesità o l’eccesso di peso o l’abuso di alcol oltre che con patologie molto diffuse come l’ipertensione arteriosa o la malattia cistica renale”.

ANTURE per continuare a sensibilizzare la popolazione sul tumore del rene ha realizzato una serie di video con le testimonianze dirette dei pazienti (https://www.youtube.com/watch?v=-4SEMRVjBRQ).

di Rossella Gemma

Continuano le operazioni dei Nas, di concerto con il ministero della Salute, per il contrasto alla vendita illecita on line di farmaci legati al Covid-19. Anche dopo la cessazione dello stato di emergenza e la progressiva riduzione delle misure emergenziali, il mercato virtuale veicolato dalla rete Internet si conferma  fonte di commercio e approvvigionamento di farmaci, molto spesso non autorizzati, che vantano proprietà in grado di prevenire e curare diverse patologie.

L'attività investigativa dei Nas sinora condotta ha portato nel 2022, i militari del reparto operativo a eseguire in totale 61 provvedimenti di blocco all'accesso dal territorio nazionale, ovvero di 'oscuramento'.

Sulle vetrine virtuali dei siti oscurati erano offerti medicinali legati alla cura del Covid-19, a base di principi attivi soggetti a particolari restrizioni d'uso e specifiche indicazioni d'impiego clinico o sperimentale in relazione all'infezione da Sars-Cov-2. Tra i medicinali soggetti a prescrizione obbligatoria e presentati sui siti oscurati, anche alcuni a base di ioduro di potassio, indicati in casi di carenza di iodio, e altri contenenti tossina botulinica utilizzabili solo sotto controllo di personale sanitario, nonché dispositivi medici iniettabili per via sottocutanea, i filler, a base di acido ialuronico, anch'essi riservati all'esclusivo impiego da parte di sanitari. Gli interventi di blocco hanno compreso altri siti web connessi con l'illecita offerta on line di medicinali veterinari.

di Rossella Gemma

Settant’anni dal loro primo utilizzo e una storia che parla di certezze e di nuovi campi di applicazione. Si tratta dei farmaci cortisonici, efficaci contro le forme gravi di Covid-19 e in patologie come il cancro e l’Alzheimer, ma ancora legati a gravi effetti collaterali nei trattamenti a lungo termine. Ne parlerà durante il suo intervento al 15th World Congress on Inflammation, previsto a Roma dal 5 all’8 giugno, Carlo Riccardi, presidente della Società Italiana Farmacologia e professore di Farmacologia all’università di Perugia. L’evento è organizzato da SIF insieme all’International Inflammation Societies con una lettura plenaria dal titolo “Gluticorticoidi e infiammazione”. Fra i più utilizzati nel trattamento di numerose patologie croniche come il morbo di Crohn o le malattie reumatiche, i cortisonici sono dei potenti antinfiammatori e immunosoppressivi. “Se, in generale, i cortisonici - spiega il Prof. Riccardi - possono essere considerati, di fatto, dei salvavita in caso di infiammazione acuta e in situazioni di emergenza, questo vale anche per le forme più severe di Covid-19, tanto che l'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) ne ha raccomandato l’uso in pazienti gravi che richiedono l'ossigenoterapia, in presenza o meno di ventilazione meccanica". Durante il suo intervento, infine, Riccardi porrà la propria attenzione sulle proprietà dei cortisonici, capaci di agire sul processo di morte cellulare. Una proprietà che permette il loro impiego anche per malattie degenerative come l’Alzheimer.

 

di Rossella Gemma

Resta alta l'allerta internazionale per il propagarsi del virus del vaiolo delle scimmie, anche se al momento la situazione e' considerata "sotto controllo". Continuano infatti ad aumentare i casi confermati o segnalati che, ad oggi, hanno superato i 200 nel mondo, mentre in Italia i contagi sono saliti a nove. Intanto, l'epidemia di Covid-19 allenta ancora la morsa ed il numero dei contagi e' ulteriormente in calo sia pure a fronte di una scarsa risposta alla vaccinazione con le terze e quarte dosi per le categorie indicate. Sul fronte delle infezioni da vaiolo delle scimmie, un primo caso e' stato identificato oggi anche in Emilia-Romagna e porta a nove il numero totale dei casi confermati nel nostro Paese. I pazienti presi in carico dall'Istituto per le malattie infettive Spallanzani di Roma sono sei e "la buona notizia e' che, soprattutto i primi, gia' stanno guarendo", ha comunicato Francesco Vaia, direttore generale dello Spallanzani, secondo il quale la quarantena per il vaiolo delle scimmie non serve. Infatti, "deve essere isolato solamente chi e' malato: bisogna andare avanti con l'innovazione, la nostra sanita' deve essere capace di andare avanti, altrimenti e' il Medioevo", ha detto. Non c'e' inoltre alcuna esigenza di "corsa al vaccino: il fenomeno e' contenuto e di lieve entita', e la letalita' - ha spiegato l'esperto - e' veramente bassa e legata a problemi principalmente immunitari".

Che non ci sia al momento alcun allarme lo ribadisce anche il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri: "La situazione e' decisamente sotto controllo, questo virus e' completamente diverso dal SarsCov2, a partire dal fatto che non si trasmette per via aerea, e per questo motivo e' molto improbabile che si crei una pandemia come quella da Covid". Il numero di casi confermati in tutto il mondo ha intanto raggiunto la cifra di 219, non considerando i Paesi in cui la malattia e' endemica. Sono 19 i Paesi, la maggior parte in Europa, che hanno segnalato almeno un caso confermato, secondo il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc). "La maggior parte dei casi sono riscontrati in giovani uomini che si dichiarano omosessuali. Non ci sono stati decessi", specifica l'agenzia europea.