di Rossella Gemma

La morfina non riduce la dispnea grave nei pazienti con broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) secondo uno studio pubblicato su JAMA. 
«La mancanza di respiro a lungo termine è una causa comune di sofferenza continua che spesso si verifica con una malattia avanzata e alla fine della vita. La BPCO può causare dispnea danneggiando i polmoni e le vie respiratorie, e per le persone gravemente malate con dispnea grave a lungo termine, l'attività fisica è spesso una sfida» afferma Magnus Ekström, dell'Università di Lund e del Blekinge Hospital, in Svezia, che ha diretto il gruppo di lavoro. I ricercatori hanno studiato 156 pazienti con BPCO, che soffrivano di dispnea grave a lungo termine, per tre settimane. Nella prima settimana, i partecipanti sono stati randomizzati in tre gruppi, due gestiti con basse dosi regolari di morfina una volta al giorno (8 milligrammi al giorno o 16 milligrammi al giorno) e un terzo, come controllo, che ha ricevuto un placebo. Durante le due settimane successive, i partecipanti sono stati randomizzati a ricevere altri 8 milligrammi di morfina o placebo, in aggiunta al trattamento precedente, per studiare l'efficacia del trattamento e il rischio di effetti collaterali derivanti da un aumento della dose di farmaco. Gli esperti hanno quindi confrontato i gruppi per vedere come i partecipanti avessero valutato la loro esperienza di mancanza di respiro e, con l'aiuto di sensori di movimento, hanno misurato l'attività fisica dei partecipanti. «Alcuni si aspettavano che lo studio mostrasse che la morfina a basse dosi potesse consentire alle persone di essere più attive fisicamente. Sfortunatamente, questo non si è verificato. Non abbiamo visto alcun miglioramento in termini di dispnea e di esperienza dei partecipanti» spiega Ekström. Gli autori sottolineano che quanto da loro trovato non significa che la morfina non fornisca alcun sollievo ai pazienti con grave mancanza di respiro a riposo o in cure palliative alla fine della vita, in quanto non hanno valutato questo aspetto. Nella maggior parte dei casi, in effetti, i pazienti da loro considerati non soffrivano di mancanza di respiro a riposo. «Sulla base dei nostri risultati, comunque, non possiamo generalmente raccomandare la somministrazione di morfina a persone con dispnea cronica» concludono i ricercatori.

«La mancanza di respiro a lungo termine è una causa comune di sofferenza continua che spesso si verifica con una malattia avanzata e alla fine della vita. La BPCO può causare dispnea danneggiando i polmoni e le vie respiratorie, e per le persone gravemente malate con dispnea grave a lungo termine, l'attività fisica è spesso una sfida» afferma Magnus Ekström, dell'Università di Lund e del Blekinge Hospital, in Svezia, che ha diretto il gruppo di lavoro. I ricercatori hanno studiato 156 pazienti con BPCO, che soffrivano di dispnea grave a lungo termine, per tre settimane. Nella prima settimana, i partecipanti sono stati randomizzati in tre gruppi, due gestiti con basse dosi regolari di morfina una volta al giorno (8 milligrammi al giorno o 16 milligrammi al giorno) e un terzo, come controllo, che ha ricevuto un placebo. Durante le due settimane successive, i partecipanti sono stati randomizzati a ricevere altri 8 milligrammi di morfina o placebo, in aggiunta al trattamento precedente, per studiare l'efficacia del trattamento e il rischio di effetti collaterali derivanti da un aumento della dose di farmaco. Gli esperti hanno quindi confrontato i gruppi per vedere come i partecipanti avessero valutato la loro esperienza di mancanza di respiro e, con l'aiuto di sensori di movimento, hanno misurato l'attività fisica dei partecipanti. «Alcuni si aspettavano che lo studio mostrasse che la morfina a basse dosi potesse consentire alle persone di essere più attive fisicamente. Sfortunatamente, questo non si è verificato. Non abbiamo visto alcun miglioramento in termini di dispnea e di esperienza dei partecipanti» spiega Ekström. Gli autori sottolineano che quanto da loro trovato non significa che la morfina non fornisca alcun sollievo ai pazienti con grave mancanza di respiro a riposo o in cure palliative alla fine della vita, in quanto non hanno valutato questo aspetto. Nella maggior parte dei casi, in effetti, i pazienti da loro considerati non soffrivano di mancanza di respiro a riposo. «Sulla base dei nostri risultati, comunque, non possiamo generalmente raccomandare la somministrazione di morfina a persone con dispnea cronica» concludono i ricercatori.